Aggiornamenti

Posted on
aggiornamnto di wordpress dal wp-admin

Oggi ho avuto tempo, voglia e metodo per fare tutti gli aggiornamenti di WordPress, che si stavano accumulando da mesi rallentando il sito, sia front-end che back-end.

L’impulso mi è venuto proprio a causa della lentezza che il back-end aveva raggiunto, mettendoci MINUTI! a passare da una sezione all’altra del pannello di controllo. Sospettavo che dipendesse dagli aggiornamenti, ma non era solo questo.

Con una veloce ricerca, ho trovato valide risposte in questo articolo di Tophost (il mio hosting provider da quando avevo iniziato ad armeggiare con i siti nel lontano 2005).

il problema principale sono alcuni plugin-zavorra e la gestione della cache. In particolare, disinstallare il JetPack ha dato subito un evidente risultato in termini di velocità.

Per migliorare ulteriormente la situazione ho installato 2 plugin di accelerazione:

  • Wp Smush (gratuito): esegue una compressione dei media e una ottimizzazione generale. Attenzione per chi si occupa di fotografia come me, perchè di default sopprime i dati EXIF delle immagini, che invece potremmo voler conservare. Basta togliere una spunta per mantenere i metadati;
  • WP Fastest Cache (gratuito): si occupa di creare e gestire la cache. Semplicissimo da usare, visto che basta flaggare le voci su cui si vuole che intervenga (in generale, tutte).

Contestualmente a tutto questo, ho attivato (finalmente) la codifica HTTPS, rendendo quindi la navigazione completamente protetta e, come effetto collaterale, anche più veloce.

Per farlo mi è bastato attivare la voce relativa dal mio pannello di controllo di Tophost e, seguendo questa guida, installare il plugin di WordPress “Really Symple SSL“, che si preoccupa di riconfiguare gli indirizzi interni ecc..

I risultati di tutti questi cambiamenti sono evidenti e mi dovrebbero spronare a continuare ad aggiornare il sito nei prossimi giorni.

Ah, ho anche deciso di usare l’italiano per i contenuti del sito, almeno per ora, fino a che non riuscirò a gestire bene le lingue alternative.

Speriamo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *